You are here

Australian Open, Lehecka: “Tsitsipas? Sono molto vicino e molto lontano da lui allo stesso tempo”-

Jiri Lehecka esce sconfitto dal confronto contro Stefanos Tsitsipas. Il greco è stato più lucido nei momenti decisivi ma per il 21enne ceco, la trasferta australiana potrà essere il punto di partenza per costruire una brillante carriera. In queste settimane ha ampiamente dimostrato di avere talento da vendere e da lunedì entrerà per la prima volta tra i primi 40 giocatori del mondo, al 39esimo posto del ranking. Questi quarti di finale sono, per ora, il suo miglior risultato in carriera a livello Slam. Di seguito le sue dichiarazioni in conferenza stampa. Moderatore: Jiri, dura sconfitta oggi. Ma una grande corsa ai quarti di finale qui agli Australian Open. Come pensi del tuo tempo passato qui in Australia? Jiri Lehecka: “Sì, penso che sarà molto più facile riflettere dopo un po’ di tempo perché ora fa ancora molto male questa sconfitta. Ma quando ci penso, ovviamente, se qualcuno mi avesse detto prima del torneo che avrei giocato i quarti qui, l’avrei accettato più che volentieri. Ma sì, ora è agrodolce perché non posso ancora godermi il successo. Ora è difficile per me dire quanto ne sono felice. Ma penso che sicuramente nei prossimi giorni supererò tutte queste emozioni, e penso che sia stata una grande corsa qui. Mi è piaciuto tutto il soggiorno qui in Australia. Certo, i quarti sono un ottimo risultato per me. Sono molto contento di aver mostrato un tennis decente in queste due settimane. Certo, ho acquisito nuova esperienza e ho capito molte cose nuove, come migliorare qualcosa, cose da cui posso imparare.” D. Quanto lontano o quanto vicino credi sia stata la qualità del tuo tennis rispetto a quella di Stefanos, stasera? Jiri Lehecka: “È stato molto vicino ma molto lontano allo stesso tempo. Voglio dire, all’inizio della partita lui ha iniziato meglio, da giocatore più esperto. Ha iniziato con più calma. Ha iniziato con l’essere molto – come dire – preciso in quello che voleva fare. Io ho avuto la possibilità di fare il mio riscaldamento sul campo Rod Laver. Ma quando tutto quel pubblico era presente, quando era completamente affollato, è stato un po’ diverso. Quindi stavo cercando di trovare il mio ritmo. Stavo cercando di abituarmi al ritmo e alla sua tattica. Nel primo set, c’è stato quel break che mi è costato quel set. Il secondo set, penso sia stato davvero ad un buon livello per entrambi. Ci sono stati molti momenti in cui lui ha faticato e in cui l’ho messo sotto pressione anche al servizio. Poi, quando siamo arrivati ​​al tiebreak, ha giocato meglio. Ha commesso pochi errori, ma la cosa principale è che ha lavorato bene con il diritto, ci ha provato. Non aveva paura di prendersi il punto. Penso che oggi abbia giocato davvero molto, molto bene dal lato del diritto, e non è stato molto positivo per il mio gioco essere sotto pressione su ogni diritto che ha giocato. Sì, è stata una partita difficile. Ho avuto alcune possibilità. Ma lui oggi era un giocatore più esperto e migliore.” D. Cosa hai pensato nei momenti in cui sei stato sullo 0-40 sul suo servizio un paio di volte? Jiri Lehecka: Sì, la partita di oggi per me era principalmente sul break da fare sul suo servizio. Ho avuto alcune possibilità. Ho avuto diverse palle break ma non ne ho sfruttata nessuna. È un vero peccato. È un peccato non esserci riuscito. Quando guardo indietro penso a cosa avrei potuto fare meglio, allora probabilmente dico che avrei dovuto essere un po’ più paziente. Per due volte ho provato a farlo da una seconda di servizio ma non ha funzionato. Voglio dire, per me è difficile da dire in questo momento perché sapevo che anche se avessi giocato la palla in campo, lui avrebbe provato immediatamente a impostare il gioco dal lato di diritto. Sapevo che oggi sarebbe stata la sua grande arma. Abbiamo visto quando ero 40-15 nel primo o nel secondo set, non sono sicuro ora, dove ho giocato una risposta davvero solida, e lui ha giocato un dritto vincente. È una situazione in cui posso semplicemente battere le mani e dire, va bene, ha giocato davvero bene. Devo rivedere la partita su queste situazioni. Ho bisogno di riflettere con la mia squadra su cosa avrei potuto fare meglio. Ora è difficile per me dirlo.” D. Ti sei sentito intimidito? Eri in soggezione? Jiri Lehecka: “Io? Onestamente, mi sono divertito molto. Mi è piaciuto avere il pubblico. Mi è piaciuta l’arena. È uno dei campi da tennis più belli del mondo. Avere il privilegio di giocare i quarti di finale dell’Australian Open su uno dei più grandi palcoscenici del mondo, è stato un grande privilegio. Ho cercato di godermela il più possibile. I fan sono stati fantastici. Il supporto che ho ottenuto da tutti i tifosi in campo è stato enorme. Ora sono solo molto triste per non aver vinto almeno un set per poter avere una possibilità di vincere quella partita. Penso che rifletterò molto meglio dopo che mi prenderò un po’ di tempo per pensarci.” ...

Related posts

Leave a Comment

shares

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi